Così presente nella nostra vita ma anche così incredibilmente poco considerato, il suono è in realtà un ambito di grandissimo interesse e contenuto esoterico.

“In principio erat Verbum”, in principio fu la parola, in realtà il Logos, la volontà espressa, la vibrazione di fondo.

Il suono non può essere considerato solo dal punto di vista fisico, acustico, ma deve essere visto nell’accezione della rappresentazione materiale della vibrazione. Una delle due rappresentazioni, in realtà, visto che l’altra sua faccia, ovvero la luce, ne rappresenta un altro aspetto fondamentale.

Dal punto di vista esoterico quindi il suono è qualcosa che va oltre la materia, che non è limitato dal concetto fisico di mezzo, pur rimanendo la vibrazione alla base della sua essenza.

Un parallelo che potrebbe essere spiegato con l’esempio della modulazione di frequenza nel campo delle onde radio, ovvero di un segnale portante, il suono appunto, che viene modulato da una vibrazione di ordine superiore per trasmettere qualcosa che non è ristretto alla frequenza di base ma la cui ricchezza di informazioni e contenuti e infinitamente maggiore di quella espressa dal punto di vista fisico.

Il suono acquisisce quindi una valenza “magica”, dove per magia si intende l’applicazione di leggi sconosciute, in tutto il mondo, seppure con diverse vesti a seconda della zona. Così in Oriente è il Mantra, in Medio Oriente e in Africa il tamburo e l’invocazione, in Occidente la formula magica, in Australia il didgeridoo, in Cina e Mongolia il canto armonico.

Comunque sempre parliamo di suono come vettore di vibrazioni più sottili di quelle acustiche. Una portante di grande potenza che permetta la trasmissione e la modulazione di informazioni ben più raffinate di quelle udibili dalle orecchie materiali ma non meno potenti e pregnanti, anzi.

Il suono consente, di fatto, la veicolazione di energie sottili nel campo della materia. Nasce così la possibilità di influire sui campi energetici, di curare, trasmettere principi che hannole loro radici profonde nel nostro interiore.